Elezioni USA, Specchio del mondo

Elezioni USA, Specchio del mondo

Poco conta il profilo umano e psicologico di Trump, ancor meno interessa indovinare le modalità che sceglierà per uscire dalla Casa Bianca. Molto di più conta l’enormità del suo consenso, solo casualmente e fortunatamente arginato dalla pandemia da Covid scoppiata nell’anno elettorale. Da dove viene e perché dobbiamo, come ben han fatto gli americani, preoccuparcene?

leggi tutto
#NonFossilizziamoci: ci siamo anche noi!

#NonFossilizziamoci: ci siamo anche noi!

L’associazione politico-culturale “Sostenibilità Equità Solidarietà” condivide sia il giudizio critico che il movimento Fridays For Future ha formulato nei confronti del documento in cui il Governo italiano ha definito le linee guida del programma di spesa dei finanziamenti previsti dal Next Generation EU (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), sia le proposte di concentrare gli investimenti nelle scelte di politica economica e industriale che consentono di non superare un incremento della temperatura media terrestre di 1,5 – 2 °C rispetto ai valori pre- industriali, come stabilito nella Cop 21 di Parigi nel 2015.

leggi tutto
Chissà come si divertivano! (1954)

Chissà come si divertivano! (1954)

Come tutti i suoi coetanei undicenni, Margie inizia la sua giornata con la scuola. Purtroppo, e sembra oggi, anche nel suo tempo, maggio 2157,non lo fa “andando a scuola”, ma da sola a casa. Ed anche lei, come i nostri ragazzi nel 2020, rimpiange il tempo in cui si andava tutti assieme a scuola.
Scritto nel 1951: dove non arriva la scienza arriva la fantascienza

leggi tutto
Calendario programma amministrativo

Calendario programma amministrativo

30 NOVEMBRE ORE 18:30
Risorse produttive e sistemi alimentari locali.
L’agricoltura può rappresentare il fondamento sul quale fondare modelli di società capaci di garantire l’approvvigionamento alimentare di un cibo sano per tutti, di rispettare i processi naturali senza alterarli, di preservare la biodiversità, di favorire economie più eque. I comuni devono svolgere attività di monitoraggio, di salvaguardia e di tutela ambientale, favorendo anche la transizione ecologica del settore agricolo.

leggi tutto
Convocazione assemblea ordinaria

Convocazione assemblea ordinaria

I soci dell’Associazione Sostenibilità Equità Solidarietà sono convocati in assemblea ordinaria, da tenersi in modalità telematica presso la piattaforma ZOOM (ai sensi dell’art. 73 comma IV del D.L. 7 marzo 2020 n. 18) in prima convocazione sabato 3 ottobre 2020 alle ore 23:50 ed in seconda convocazione domenica 4 ottobre 2020 alle ore 9:30

leggi tutto
Rilancio della domanda in tempo di crisi: le grandi opere non servono

Rilancio della domanda in tempo di crisi: le grandi opere non servono

Se si vuole alimentare la domanda effettiva per contrastare efficacemente il ciclo, molto meglio finanziare piccole (e piccolissime) opere, come manutenzioni di ospedali e scuole, efficientamenti energetici, rinaturalizzazione degli alvei fluviali, conversione dell’agricoltura a pratiche meno idrovore…,  ricordandosi, al contempo, di potenziare convenientemente la capacità tecniche di progettazione, realizzazione e gestione dei manufatti da parte degli enti locali, oggi drammaticamente sottodimensionate.

leggi tutto
Overshoot Day 2020: alcune riflessioni

Overshoot Day 2020: alcune riflessioni

Il ritardo dell’overshoot day non è il primo dato che conferma la relazione lapalissiana tra la riduzione del Pil e la diminuzione dell’impatto ambientale.Le riduzioni di questi fattori della crisi ecologica non ci sarebbero state se il Pil non fosse diminuito e questo è un fatto positivo, ma oltre a non essere sufficienti, non sono consolidate e non sono selettive. E questi limiti le rendono estremamente precarie. Il fatto che non siano sufficienti è più grave di quanto si possa pensare perché, se si sono oltrepassati i limiti della sostenibilità ambientale, la riduzione di un aumento è pur sempre un aumento, ovvero un aggravamento della crisi. Il vero fattore di svolta è una diminuzione in valori assoluti.

leggi tutto
Referendum costituzionale: perché NO

Referendum costituzionale: perché NO

A nostro avviso la riduzione dei parlamentari non darà più potere ai cittadini, ma ai gruppi di potere partitici ed economici capaci di sostenere il peso economico e organizzativo delle campagne elettorali.
Votare Sì significa rafforzare i poteri che già oggi spadroneggiano sulla scena pubblica, piegando la democrazia alla realizzazione dei loro interessi.
Votare No significa rafforzare la validità del progetto costituzionale, mantenendo la possibilità di lavorare alla costruzione di una società più giusta ed equa.

leggi tutto
Dalla pandemia alla recessione (e dalla ripresa economica a una nuova pandemia?)

Dalla pandemia alla recessione (e dalla ripresa economica a una nuova pandemia?)

L’attuale crisi economica non è una delle crisi di sovrapproduzione che hanno scandito la storia del modo di produzione industriale. L’economia mondiale non è stata fermata da un eccesso di offerta sulla domanda che abbia costretto a ridurre la produzione facendo aumentare la disoccupazione e, di conseguenza, abbia comportato una ulteriore diminuzione della domanda avviando una spirale recessiva che si avvita su sé stessa. L’economia è stata fermata da un virus che si è diffuso rapidamente nella specie umana e dalla decisione politica della maggior parte dei Paesi di confinare la popolazione in casa per limitare i contagi. La scelta di dare la prevalenza alla tutela della salute sul profitto ha inevitabilmente danneggiato l’economia, ma, per la prima volta nella storia del modo di produzione industriale, la scelta opposta, di far prevalere le ragioni del profitto sulla tutela della salute umana, non l’ha avvantaggiata.

leggi tutto
Urbanistica e decrescita: l’urgenza di un mutamento di paradigma

Urbanistica e decrescita: l’urgenza di un mutamento di paradigma

Tra i tanti aspetti che dovrebbero essere affrontati, merita richiamare, per l’ennesima volta, l’attenzione sul fatto che, in particolare in Italia, si è costruito troppo.
I dati che annualmente l’Ispra (Istituto Superiore per la Ricerca e Protezione Ambientale) mette a disposizione sul consumo del suolo sono semplicemente sconvolgenti: 14 ettari di suolo verde consumati al giorno, 2 mq al secondo, per una popolazione in declino demografico: è come se, nell’ultimo anno, avessimo costruito 456 mq per ogni abitante in meno. Ed il consumo di suolo cresce persino nelle aree protette, nelle aree vincolate per la tutela paesaggistica, in quelle a pericolosità idraulica media e da frana e nelle zone a pericolosità sismica.

leggi tutto
Un viaggio nella galassia ambientalista

Un viaggio nella galassia ambientalista

di Andrea "Gillo" Bernardi    Lunedì 20 luglio abbiamo partecipato al Campeggio di Ecologia Politica, bellissima iniziativa di Ecologia Politica, al presidio Notav di Venaus per un confronto aperto con le altre associazioni ambientaliste diffuse sul territorio...

leggi tutto
Ecobonus 110% , sostenibilità ambientale ed equità sociale. Lettera aperta al Ministro Stefano Patuanelli

Ecobonus 110% , sostenibilità ambientale ed equità sociale. Lettera aperta al Ministro Stefano Patuanelli

La super-aliquota 110% per la ristrutturazione e riqualificazione energetica degli edifici è riservata unicamente a interventi di isolamento termico delle superfici opache (cappotto) e di sostituzione degli impianti di riscaldamento con impianti a pompa di calore, compresi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati a impianti fotovoltaici , o con impianti di micro-cogenerazione o a collettori solari. Il bonus si estende a quelli secondari – sostituzione finestre,installazione di impianti fotovoltaici e altri – se eseguiti contestualmente ad almeno uno di questi. Sui beneficiari sussiste qualche dubbio sull’equità sociale che dovrà essere chiarito dall’Agenzia delle Entrate. Per questo abbiamo scritto una lettera aperta al Ministro Stefano Patuanelli.

leggi tutto
Cambiare le nostre città oscene

Cambiare le nostre città oscene

I primi a sapere che non ne possiamo più di vivere così sono i pubblicitari. Nelle loro strade c’è sempre solo un’automobile ed un autista felice. E continuiamo a credere a quell’inganno. Cambiare si può. L’imperativo era ed è: “non lasciare che le macchine governino la tua città”.

leggi tutto

Pin It on Pinterest